Iggy Pop, Esther Friedman

IGGY POP The Passenger: Fotografie di Esther Friedman. La ONO arte di Bologna celebra un mito della musica, dal 7 novembre

Aprirà il prossimo 7 novembre alle ore 18.30 la mostra dedicata a Iggy Pop, il frontman degli Stooges, raccontato attraverso gli scatti di Esther Friedman. Più di altri, la fotografa tedesca – che sarà presente all’inaugurazione – ha saputo stabilire un modo unico e complesso di comunicare attraverso l’apparecchio fotografico, ritraendo intimamente “l’iguana” come mai avvenuto prima o dopo di lei.

Celebra così il trentesimo anniversario della caduta del Muro di Berlino la galleria ONO Arte Contemporanea di Bologna, con una mostra di 25 scatti dedicata a uno dei miti della storia della musica rock. James Newell Osterberg, alias Iggy Pop, vissuto in quella Berlino decadente che divideva il mondo dal 1976 al 1978, insieme all’amico David Bowie, al numero 155 di Haupstrasse, in un quartiere abitato prevalentemente da immigrati turchi. Due anni tra i più proficui della loro carriera, genitori dei dischi più importanti e innovativi della storia della musica.
La Berlino dell’epoca ha rappresentato, per Iggy Pop come per tanti altri artisti, l’alienazione dal resto del mondo, un vortice di tensione ed energia creativa che aiutò i due artisti a lasciarsi alle spalle il dramma della tossicodipendenza, nella quale entrambi stavano sprofondando a Los Angeles in quegli anni.

È in questo contesto di creatività e innovazione che Iggy Pop conosce la fotografa tedesca Esther Friedman. La relazione sentimentale tra i due, iniziata nel 1977 e durata per sette anni, permetterà alla fotografa di ritrarre in profondità l’ex frontman degli Stooges in situazioni e contesti del tutto inediti, nonostante il cantante sia stato immortalato da alcuni dei più grandi fotografi del mondo nel corso della sua carriera.
Nel loro appartamento, in giro per Berlino, in tour o in vacanza, la Friedman stabilisce con Iggy Pop un proprio modo, unico e complesso, di comunicare attraverso l’obiettivo come fosse la loro vita in quegli anni. Scatti, per lo più in bianco e nero che esprimono a pieno il carattere creativo-distruttivo del grande performer dal fisico plastico e dal volto intensamente espressivo che tanto affascinano l’autrice.
Attraverso il lavoro di Esther Friedman è documentata una delle storie più affascinanti e romanzate della storia della musica, divenuta parte ormai della cultura popolare. Storia che accomuna indissolubilmente due amici come Iggy Pop e David Bowie (v. “Fotografare” n. 4, novembre 2019), caduti nella trappola della dipendenza e capaci di trasformare il dolore e la devastazione di quegli anni in energia creativa, dando vita ai pezzi più celebri e di maggior successo.

Esther Friedman è nata a Mannheim in Germania. Vive e lavora a Francofororte.

LA MOSTRA

IGGY POP The Passenger: Fotografie di Esther Friedman

7 novembre – 8 dicembre 2019

Galleria ONO Arte Contemporanea
Via Santa Margherita, 1 – Bologna

Opening alla presenza dell’artista 
giovedì 7 novembre, ore 18.30

Ingresso libero

Info: www.onoarte.com

  • David Bowie, Esther Friedman
  • Iggy Pop, Esther Friedman