Albert-Einstein-14-marzo-1951-AFPArthur-Sasse-©Gettyimages

La linguaccia più famosa del mondo

La foto più famosa di Einstein compie 70 anni 

È curioso che l’immagine del più grande fisico del XX secolo, premio Nobel della fisica, scopritore di quella che viene chiamata “l’equazione più famosa del mondo”, sia una fotografia in cui fa la linguaccia.

Lo scatto è di Arthur Sasse, fotografo americano,che immortalò Albert Einstein nel 1951, esattamente 70 anni fa.

Era il 14 marzo, giorno del 72esimo compleanno del fisico, che dopo il ricevimento in suo onore al Princeton Club di New York, faceva ritorno in albergo dove, ad aspettarlo c’era una folla di giornalisti e fotografi, ma lui non aveva alcuna intenzione di fermarsi a posare e salutare.

Si trovava ancora in auto, quando Sasse puntò il suo obiettivo proprio attraverso il vetro, per cercare di rubare almeno uno scatto. Lì la prontezza di Einstein di rivolgere una smorfia a quel fotografo impertinente; una smorfia che restò immortalata per sempre.

L’espressione di un uomo geniale, rispettato e ascoltato da tutti, immortalato ovunque, invitato a parlare in tutto il mondo, ma che semplicemente quella sera non aveva più voglia di farsi fotografare; forse stanco dalla lunga giornata e dal ricevimento in suo onore, dove aveva posato per moltissime fotografie istituzionali.

All’inizio non si sapeva se fosse lecito pubblicarla o meno, se rendere pubblica un’immagine così bizzarra di un premio Nobel per la fisica; ma lo stesso Einstein, divertito dalla cosa, ne chiese alcune copie da far stampare e regalare agli amici, rivelandosi, oltre che un genio, anche una persona dotata di grande senso dell’umorismo.

Quella linguaccia è diventata famosissima in tutto il mondo, iconica, raffigurata ovunque, stampata su magliette, tazze, quadri, gadget; addirittura una delle stampe originali vintage, autografata dallo stesso Einstein, è stata battuta all’asta per circa 125.000$.

Quell’espressione così spontanea, quasi bambinesca, ormai ha assunto il significato di ribellione innocente e pacifica e ha contribuito a diffondere l’idea di un Einstein geniale, ma altrettanto umano e un po’ meno distante dai comuni mortali…

Albert-Einstein-14-marzo-1951-AFPArthur-Sasse-©Gettyimages

Vuoi pubblicare le tue fotografie sul sito fotografaremag.it e sulla rivista Fotografare? Hai un portfolio al quale vuoi dare visibilità? Inviaci i tuoi lavori, i migliori saranno recensiti e pubblicati.