“Eroi venuti dal mare” la mostra evento per il cinquantenario della scoperta dei Bronzi di Riace con le fotografie di Luigi Spina

Quest’anno cade il cinquantesimo anniversario della scoperta dei Bronzi di Riace, le celeberrime statue in bronzo di provenienza greca databili al V secolo a.C., ritrovateil 16 agosto 1972 nei pressi di Riace Marina, in provincia di Reggio Calabria.

Benchè non se ne possa attribuire la “paternità artistica”, è indubbio che questi due capolavori scultorei siano una delle testimonianze dell’arte greca più significativi, nonché tra i meglio conservati.

Ciò che probabilmente affascina di più dei Bronzi è la modalità di rinvenimento: le statue, infatti, si trovavano in mare, a 230 metri dalle coste di Riace Marina, a 8 metri di profondità. Quasi del tutto ricoperte di sabbia, emergeva solo il braccio di quella che sarebbe poi stata denominata “statua A”, e tanto è bastato per attirare l’attenzione di un giovane sub romano, l’artefice della preziosa scoperta.

La mostra“Eroi venuti dal mare” inaugura mercoledì 10 agostopresso il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria e sarà visitabile fino al 23 ottobre. Un percorso di immagini curato dal direttore del Museo, Carmelo Malacrino, e da Luigi Spina, riconosciuto da Artribune quale miglior fotografo italiano del 2020.

L’evento è accompagnato dal libro fotografico “Bronzi di Riace”, quarto volume della collana “Tesori Nascosti”, edito da 5 Continents Editions, nel quale i testi di Carmelo Malacrino e Riccardo Di Cesare dialogano con la ricerca fotografica di Luigi Spina. La pubblicazione, che vanta un’edizione italiana, una inglese e una francese, sarà acquistabile in tutte le librerie italiane e sul sito dell’editore a partire dal 19 agosto.

“Questa esposizione, nata in collaborazione con il noto fotografo d’arte Luigi Spina, sarà un tributo alla bellezza e alla potenza iconografica dei Bronzi di Riace, capolavori indiscussi dell’arte greca del V secolo a.C – dichiara il direttore del Museo, Carmelo MalacrinoAlla mostra, visitabile fino al prossimo 23ottobre, si accompagnerà anche un prezioso catalogo, nel quale le immagini di Spina affiancheranno una narrazione storica e artistica sulle due statue, che ho avuto il piacere di redigere insieme a Riccardo Di Cesare, archeologo e docente presso l’Università di Foggia. Una narrazione che immergerà il lettore nella storia suggestiva dei Bronzi, tra verità scientifiche e domande rimaste ancora aperte. Il mio ringraziamento va a tutti coloro che hanno collaborato per rendere possibile la realizzazione di questo progetto e del volume di corredo, la cui traduzione, in inglese e francese, sarà un efficace strumento di promozione e divulgazione dei Bronzi di Riace in tutto il mondo.

Sedici fotografie di grande formato (90 x 134 cm) verranno esposte nello spazio della suggestiva scalinata piacentiniana del MArRC, proponendo un dialogo visivo fra le due sculture. La sequenza di otto più otto fotografie, dedicate rispettivamente alla statua A e alla statua B, metterà in evidenza un lento movimento che, seppur incessante, crea pause e ritmo.

L’epidermide bronzea, diversa per ciascun soggetto – spiega Luigi Spina –, prende forma, densità e lucentezza, e il chiaroscurale dei corpi si tinge dello spettro multiforme del bronzo che, al variare della luce, mostra superfici corporee che dialogano con l’occhio dell’osservatore”.

È possibile ammirare i lavori del fotografo Luigi Spina in altre tre mostre: “Sing Sing. Il corpo di Pompei” presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli in corso fino al 30 settembre, “Canova interpretato. Quindici fotografi per Canova” presso l’Atelier del Tadini a Lovere e “MATRES. L’anima di questa terra è il fango” alla Fondazione Michetti presso il Palazzo San Domenico di Francavilla al Mare (CH), entrambe visitabili fino al 25 settembre 2022.

10 agosto – 23 ottobre 2022

Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

www.museoarcheologicoreggiocalabria.it
www.fivecontinentseditions.com