Lee Miller Archives - Self portrait with headband New York USA c1932
Lee Miller Archives - Self portrait with headband New York USA c1932

La mostra “Surrealist Lee Miller”, a Bologna fino al 9 giugno

Dal 14 marzo al 9 giugno 2019 Palazzo Pallavicini, a Bologna, ospita la prima personale italiana dedicata a Lee Miller, poliedrica artista statunitense, modella, fotografa surrealista e reporter di guerra, nonché musa di Man Ray.

Modella e musa, personaggio istrionico dei salotti culturali del primo Novecento, Lee Miller (1907-1977) esordisce come modella sulla copertina di Vogue del 15 marzo 1927, fortemente voluta dall’editore della stessa rivista Condé Nast, che le porta fama internazionale. Grazie a quel prestigioso biglietto da visita posa per i più importanti fotografi di moda, finché decide di passare dall’altra parte dell’obiettivo e diventare lei stessa una fotografa. 
Da New York si trasferisce a Parigi nel 1929. Qui incontra Man Ray, esponente della corrente del Dadaismo prima, e del Surrealismo poi, formatosi accanto ad artisti come Dalì e Duchamp.
Tra Ray e la Miller si instaurerà un connubio artistico e sentimentale di duplice valore che vedrà lei diventare musa dell’artista e lui suo maestro. Insieme sperimenteranno la tecnica della solarizzazione e lei affinerà i temi del surrealismo che la accompagneranno in tutto il suo percorso artistico: l’uso di porte, finestre, specchi e inquadrature scelte ad hoc per isolare il soggetto ripreso sono gli elementi caratteristici di questo linguaggio. 

Lee Miller Archives - Nude bent forward [thought to be Noma Rathner] Paris, France c1930
Lee Miller Archives – Nude bent forward [thought to be Noma Rathner] Paris, France c1930

La giovane fotografa in erba viene presto introdotta dal suo mentore nel frizzante ambiente artistico del XX secolo dei circoli culturali parigini, dove conoscerà i personaggi che più tardi diventeranno i suoi estimatori. Ritrarrà artisti come Pablo Picasso, Marlene Dietrich, Fred Astaire, Max Ernst e tanti altri che vorranno essere immortalati ed esposti nel suo atelier di Parigi.

Ma la sua caleidoscopica carriera si divide tra l’ambiente artistico e il campo di battaglia di molti conflitti europei che documenta come corrispondente di guerra per Vogue e, al seguito delle truppe americane, come collaboratrice del fotoreporter statunitense David E. Scherman per le riviste Life e Time. Proprio sul fronte Miller scatterà le sue fotografie più segnanti e memorabili. È l’unica fotografa donna a documentare l’intervento degli alleati durante il D-Day; inoltre riprende Londra sotto il fuoco dei bombardamenti tedeschi, l’assedio di Parigi, la liberazione dei campi di concentramento di Dachau e Buchenwald e arriva fin nelle stanze private del Führer, a Monaco di Baviera, dove scatterà il celebre autoritratto nella vasca da bagno di Hitler.
Proprio questa fotografia, raramente esposta e pubblicata sulla stampa, sarà in mostra a Palazzo Pallavicini.

Dopo la fine della guerra, Lee Miller torna negli Stati Uniti dove continua ancora per qualche anno a scattare fotografie di moda e ritratti di celebrità per Vogue. Ben presto, però, decide di ritirarsi dalla scena artistica a seguito di una sopravvenuta depressione e di un disturbo post-traumatico da stress, pesante lascito degli anni trascorsi a documentare il conflitto bellico e i suoi effetti. 

Picasso, Hotel Vaste Horizon Lee Miller
Picasso, Hotel Vaste Horizon Lee Miller

Le 101 fotografie che compongono la mostra bolognese ripercorrono la carriera fotografica prolifica e poliedrica di Lee Miller attraverso lo sguardo onirico e deformante surrealista con cui ha interpretato la moda e l’arte, accanto ai reportage più impegnati realizzati nei luoghi di conflitto della Seconda guerra mondiale

La Mostra

Lee Miller – Surrealist Lee Miller
14 marzo-9 giugno 2019
Palazzo Pallavicini – via San Felice, 24 Bologna
A cura di Ono arte contemporanea e Palazzo Pallavicini
Orari: dal giovedì alla domenica, 11-20
Biglietti: intero con audioguida €14, ridotto €12 (verificare sul sito web i requisiti per le riduzioni)
Gruppi (min. 15 persone): €10 (1 accompagnatore gratis)
Scuole: €5 (2 accompagnatori gratis per ogni classe)
Bologna Welcome e Bologna Card Musei: €9
Giovedì Università (con tesserino): €9
Gratuito: bambini sotto i 6 anni, disabili con certificato
Biglietto famiglia con figli dai 6 ai 18 anni non compiuti: genitore €10
Info: www.palazzopallavicini.com 
tel. 331 3471504
Per tutte le immagini pubblicate nell’articolo © Lee Miller Archives England 2018. All Rights Reserved. www.leemiller.co.uk