Buongiornotte!

Con qualche accorgimento nelle impostazioni dello smartphone è possibile cambiare… l’orario della giornata e l’atmosfera di un paesaggio,senza aspettare che si muovano le lancette dell’orologio. Sole o luna? Buongiorno o buonanotte?

di Antonio Arminio

Questo effetto si chiama “notte americana” ed era molto usato negli anni Sessanta e Settanta sui set dei film western, all’epoca di grande successo. Si filmava di giorno e, con qualche accorgimento tecnico, specialmente durante i bivacchi, si creava un effetto notturno, montando dei filtri blu sia sulle lampade, sia sulla macchina da presa.  Ancora oggi guardando quelle pellicole è possibile riconoscere questo escamotage dalle ombre dei protagonisti che, essendo ben delineate come in pieno sole, rivelano il trucco.

LA SITUAZIONE DI LUCE

Con lo smartphone è possibile creare la notte americana con la dominante cromatica blu sfruttando soprattutto le situazioni di controluce. In questo caso, il momento ideale è la piena luce del giorno oppure quando il sole è seminascosto da un albero o, ancora, quando crea un riflesso sulla linea dell’orizzonte su uno specchio d’acqua, che sia mare o lago non ha importanza. Il cambiamento di atmosfera ci proietta in un suggestivo notturno.

SE COMPARE UN SOGGETTO

È importante fotografarlo dal basso verso l’alto allo scopo di avere come sfondo il cielo. Può essere utile mostrare alla persona che poserà qualche fotografia fatta ad altri soggetti e dargli dei consigli mirati. Ad esempio, è fondamentale che si metta di profilo in quanto la sua sagoma, risultando nera, manterrà ancora un’identità; tuttavia l’argomento silhouette sarà affrontato in un futuro articolo.

LA TECNICA

1) Impostiamo la funzione Pro sullo smartphone e cerchiamo il bilanciamento del bianco denominato con la sigla WB, scegliendo la posizione Lampadina. Già vedremo sul display che la luce diurna presenterà una notevole dominante blu.

2) Per scurire la foto usiamo la funzione EV. Su alcuni apparecchi appare l’indicazione+/- e serve a correggere l’esposizione. Impostiamola su -2 o -3, in modo che il blu risulti più intenso e l’atmosfera simuli il più fedelmente possibile una situazione notturna; in questo modo l’effetto risulterà più credibile.

ANDROID E IOS

Gli smartphone top di gamma hanno tutti la funzione Pro che permette di personalizzare molti parametri e impostazioni. Tuttavia, se il nostro apparecchio non è dotato di questa funzione, è possibile scaricare il programma Pro Cam valido sia per il siste-ma Android, sia per iOS.

QUALCHE NOZIONE TECNICA

Il valore K nel bilanciamento del bianco sta per gradi Kelvin e indica la temperatura di colore che determina la dominante cromatica che si forma sull’inquadratura a seconda dell’orario della giornata, del riverbero del sole – come ad esempio sulla neve – o in altre situazioni. C’è una scala espressa proprio in gradi Kelvin (dal suo ideatore) che indica le dominanti cromatiche nelle diverse situazioni di luce, in casa con la luce artificiale oppure con la luce al neon fredda o calda, con il cielo nuvoloso, con il flash, in pieno sole o con le lampade. In ogni situazione, a seconda della natura della luce bisognerebbe impostare il bilanciamento del bianco corrispondente in modo da non avere dominanti cromatiche indesiderate.

Noi, invece, per scopi creativi abbiamo introdotto intenzionalmente la dominante blu per creare un effetto molto simile al notturno in esterni. 

Scommettiamo che ci sarà da divertirsi nel… cambiare l’orario delle nostre fotografie?

Aspettiamo i vostri risultati di questo esperimento.

Nascondere il sole dietro un albero può essere utile per creare con la dominante blu un’atmosfera quasi notturna. La foto è scattata in pieno giorno con il bilanciamento del bianco regolato su Lampadina e il valore di esposizione EV regolato su -2 per rendere la foto più scura. Sembra proprio di cambiare orario.

Vuoi pubblicare le tue fotografie sul sito fotografaremag.it e sulla rivista Fotografare? Hai un portfolio al quale vuoi dare visibilità? Inviaci i tuoi lavori, i migliori saranno recensiti e pubblicati.